Un approccio scientifico ed efficace per risolvere la fascite plantare

Un approccio scientifico ed efficace per risolvere la fascite plantare

Closeup of runners shoe - running concept

Molti di noi hanno provato la fastidiosa sensazione di avere dolore sotto la pianta del piede od intorno al tallone. Alla mattina i primi passi sono dolorosissimi e presto sopraggiunge la frustrazione di non riuscire a svolgere la propria routine quotidiana senza dolore.

Si stima che circa il 5-7% della popolazione ad un certo della vita svilupperanno una farcite plantare; negli infortuni legati alla corsa la prevalenza arriva a circa il 10% di tutti gli infortuni.

UN SACCO DI GENTE!

Molti trattamenti come plantari, terapia strumentale o altre terapia passive hanno dimostrato di essere efficaci in qualche caso o comunque di essere superiori al placebo.

Una larga parte di persone però presentano ancora sintomi di fascite plantare a 2 anni dalla diagnosi; sono pazienti che spesso rimbalzano da un professionista all’altro, provano diverse terapie con pochi e non duraturi risultati.

Così si è cominciato a riconsiderare il problema in maniera diversa, cercando di implementare un modello simile ma che si è dimostrato estremamente efficace: quello delle tendinopatie dell’arto inferiore.

APPLICARE UN PROGRAMMA DI RINFORZO E CARICO

Ebbene è stato condotto uno studio molto importante dove hanno investigato l’effetto su 12 mesi del trattamento con esercizi di forza e hanno dimostrato che risulta molto più efficace di un trattamento “standard” nel ridurre il dolore e migliorare la funzione del piede.

Quindi:

1- E’ fondamentale che insieme allo stretching e alla terapia manuale, il vostro fisioterapista vi insegni la corretta esecuzione di 2-3 esercizi di rinforzo della muscolatura del polpaccio e del piede.

2- Questi esercizi vanno eseguiti per almeno 8-12 settimane.

3- E’ importante continuare ad eseguire questi esercizi anche quando il dolore è scomparso per evitare recidive.

4- E’ importante evitare o limitare le attività che accendono il dolore sotto il piede; nel momento in cui si decide di ricominciare queste attività iniziare gradualmente.

PER I RUNNER: NON RICOMINCIARE A CORRERE PRIMA DI ESSERE ASINTOMATICI DA 4 SETTIMANE E RIUSCITE A CAMMINARE PER 10 KM SENZA DOLORE

IMG_6784

Dalla fascite plantare si può e si deve guarire bene, consulta il tuo fisioterapista e comincia oggi stesso un programma di rinforzo e di carico per togliere il dolore e ritornare alle tua attività quotidiane.

Roberto Andreotti

Fisioterapista

Rathleff MS, Mølgaard CM, Fredberg U, et al. High-load strength training improves outcome in patients with plantar fasciitis: A randomized controlled trial with 12-month follow-up. Scand J Med Sci Spor 2014:n/a-n/a doi: 10.1111/sms.12313[published Online First: Epub Date]|.

Chiamaci subito per un appuntamento!
348 4081254
346 2107575